Seguimi

GiornaleBlog Notizie dai Blog Italiani
FSB Media Book Blogger Directory
BlogItalia - La directory italiana dei blog
siti righevaghe.it scambio banner Net-Parade.it Snippet

Un segno invisibile e mio – Aimee Bender

Mona Gray ha quasi 20 anni e suo padre è affetto da una strana malattia.
È una donna solitaria, silenziosa, la sua vita negli ultimi anni si è sbiadita insieme al padre. Non ha ambizioni, non ha progetti, naviga nel grigio. Ha tutta una serie di tic nervosi, gesti scaramantici che la accompagnano, la rassicurano.
Mona ha un’unica passione: i numeri. Sono la sua sicurezza, la roccia dove può aggrapparsi. Con i numeri non si sbaglia mai. Lei crede.

Fino a quando non viene chiamata dalla direttrice della scuola elementare per insegnare matematica…
A contatto con la creatività e il colore dei bambini, dopo aver conosciuto un insegnante di scienze che farà breccia nel suo cuore, la vita di Mona cambierà.
Il tutto con colpi di scena (o d’ascia, potremmo dire), presentimenti oscuri e momenti di tenera e commovente tristezza.

Questo romanzo mi è piaciuto dall’inizio alla fine. Lo stile della scrittrice ipnotizza. Il personaggio di Mona, con tutte le sue psicosi, è adorabile. Reale e comico.
Ho amato i bambini, così insopportabilmente crudeli, così teneri. E la piccola Lisa, disperatamente alla ricerca di attenzioni e di un’infanzia normale, senza malattie.
È un romanzo che parla dell’indifferenza delle persone, della finta indifferenza delle persone. Di vita, di morte e di scelte. E d’amore.
Ci parla di come non ci si può semplicemente fermare, si cresce, si ama e, se si prova a non cambiare, ci si logora.
Il prologo e l’epilogo sono emblematici, non rivelo nulla, ma da soli valgono la lettura di questo piccolo gioiello.

Un segno invisibile e mio mi ha fatto innamorare di Aimee Bender. Continuerò a leggerla, sicuramente.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nessun commento ancora

Rispondi