puntini sospensione

I puntini di sospensione

I puntini di sospensione sono uno dei miei segni di punteggiatura preferiti. Li uso tantissimo. Male. Li metto quasi sempre in chiusura, da soli. In realtà nella maggior parte dei casi si usano attaccati alla[…]

Come si scrive. Sì… e si.

Quando scrivo io uso tanto il sì. Sì, per dire che “ci sto, va bene, certo”. Visto che è una parola che mi piace tanto, anche se è corta e piccolina, mi salta sempre agli[…]

Come si scrive. La d eufonica

Oggi non parlo di orrori ed errori. Oggi niente matita rosso fuoco, ma un rosso pallido, timido, che segnala una delle più grandi contraddizioni degli “scriventi“ moderni italiani. La d eufonica. Prima di tutto, che[…]

È

Come si scrive. C’era una volta una È

C’era una volta una È. Era bella, luminosa, protagonista dei migliori periodi, regina della lingua italiana, magnificenza del verbo essere. Era per via dell’accento grave*. Quello la rendeva bella. Sì. Quel segnettino sopra la sua[…]

La virgola col vocativo salva la vita

Qualche giorno fa The JackaL ha condiviso su Facebook un’immagine meravigliosa che mi ha fatto immediatamente pensare all’uso della virgola  in determinati casi. Il vocativo, per esempio. Un’altra immagine specifica che è stata condivisa sui[…]

Come si scrive. Fa, fa’ o fà?

Allora: fà non esiste. Partendo da questa piccola certezza, posso continuare. Fa si scrive nello stesso modo sia se intendiamo la quarta nota musicale, sia se intendiamo la terza persona dell’indicativo presente del verbo fare.[…]