Fiabe così belle che non immaginerete mai di Ivano Porpora

Fiabe così belle che non immaginerete mai

Fiabe così belle che non immaginerete mai di Ivano Porpora, edito da LiberAria, è, appunto, una raccolta di fiabe.
Sì, avete letto bene, fiabe. Iniziano tutte con C’era una volta in un reame lontanissimo…, e hanno tutte una morale. A volte anche tre.
C’è una bella, un bello, un brutto. Tanti bambini. Un fattore stronzo, un farmacista e un ortolano.
Si parla di amore, di famiglia, di povertà e ricchezza. Si parla d’amore, soprattutto.

Non serve che vi dica di che cosa parlano queste fiabe nel dettaglio, perché sono fiabe e le fiabe sono sempre belle. Sono un volo nella fantasia, nei sentimenti, nelle parole, ma ci insegnano sempre qualcosa.

È stato molto utile leggere queste fiabe per me, ora, a trentaquattro anni suonati, e non mi sono sentita neanche un po’ inadeguata. Ne abbiamo sempre bisogno.

Non le ho lette velocemente, devo essere sincera, perché nonostante si tratti di fiabe e anche brevi, non sono proprio scivolate giù come acqua fresca. Ogni fiaba mi faceva fermare e pensare.
E poi, la scrittura di Porpora che sembra semplice in realtà non lo è affatto. Se ci fissiamo sulla sua semplicità poi rischiamo di perderci il succo. E di succo, in queste 165 pagine ce n’è tanto.

È molto bravo Ivano Porpora a raccontare e quindi voglio che sia lui che leggiate e non me.

Un libro per tutti. Ma proprio tutti.

Dal libro:

La morale di questa favola, come sempre, è triplice.
La prima, è che le pale non servono solo ad aprire buchi, ma se stai attento, se davvero ci pensi, pure a chiuderli.
La seconda, è che la prossima volta, detto in confidenza, è meglio se prendi direttamente il treno.
E la terza, forse la più importante, è che le persone che ami le riconosci subito, quando le ami; e le riconosci dal fatto che sanno dare l’unica risposta all’unica domanda che c’è, ossia: dove è andato a finire il colore?

 

Ti potrebbero piacere anche questi:

Comments

comments

Rispondi