Amori, crimini e una torta al cioccolato di Sally Andrew

Siamo in un colorato Sudafrica, Tannie Maria è una cuoca bravissima e tiene una rubrica di ricette per la «The Karoo Gazette». È vedova, piccola, morbida nei punti giusti e dice di ‘stare bene così’. Con le sue ricette e le sue amiche: Hattie e Jessie, che sono anche due sue colleghe. Un bel giorno però, si ritrova a dover tenere una rubrica di ricette del cuore.
Le persone cominciano a scriverle lettere alla ricerca di consigli amorosi e lei, che di amore non ci capisce niente, o almeno così dice, risponde con la ricetta giusta, che guarisce cuore e stomaco.
Tutto va bene fino a quando non arriva in redazione la lettera di Martine che le racconta del marito, che la picchia, e di Anna, che è innamorata di lei. Tannie coglie la richiesta di aiuto di Martine e tra un consiglio e l’altro, una ricetta e l’altra, si ritrova a indagare su un omicidio. E poi nella storia entra anche un burbero ispettore che mette in subbuglio la nostra Maria. E un po’ di gente pazza, pure.

Io ho divorato Amori, crimini e una torta al cioccolato, edito da Guanda e tradotto in italiano da Irene Abigail Piccinini. Da Tannie Maria alle sue ricette. Dal Sudafrica ai temi trattati. L’ho divorato, come farei con una torta al cioccolato, appunto.
Non è un libro semplice. Si parla di violenza sulle donne, di fracking, di truffe. Si ha a che fare con gente stupida, cattiva, con dei veri e propri psicopatici. Però poi Sally Andrew, invece di tingere tutto di nero, fa qualcosa di diverso: come una vera e propria cuoca, mescola a tutte queste cose brutte i panorami africani, del buon cibo e tanto amore.
E viene fuori questo libro qui, che ho letto praticamente in un pomeriggio e del quale ho sentito subito la mancanza (chissà se ci sarà un seguito…).

Amori, crimini e una torta al cioccolato

Ti affezioni a Tannie Maria e alle sue insicurezze, che non le permettono di lasciarsi andare. Ti affezioni anche a Jessie e al suo geco tatuato. E pure a Henk, perché si capisce subito che è un gigante buono. E a tutti gli altri simpaticissimi personaggi. Finisce pure che un po’ ti identifichi in loro, nonostante vivano in un mondo completamente diverso dal tuo. I primi amori, quelli vecchi, le gelosie, le cocciutaggini, le pazzie, le amicizie, le tristezze e le piccole felicità: tutte cose che abbiamo vissuto, che viviamo e che riempiono le nostre vite.
Anche il mistero è costruito bene; si tratta di uno di quei casi in cui la soluzione che sembra più ovvia non è affatto giusta e a un certo punto ci si ritrova in un vero e proprio thriller.
Protagonista assoluto, che rende questo libro un po’ speciale, è l’amore per il cibo. Spunta da ogni pagina e alla fine ti ritrovi affamato non solo di parole, ma anche di tutte le cose buone che cucina Tannie Maria. Ho esultato quando ho visto che le ultime pagine sono dedicate a un ricettario. Nei prossimi giorni ci saranno esperimenti ‘sudafricani’ nella mia cucina!

Se proprio dovessi trovare un difetto a questo libro parlerei del fatto che Dirk, il marito violento di Martine, non viene punito abbastanza. Sì, non ci fa una bella figura e comunque ne passerà di cotte e di crude, ma troppo poco per un uomo che una volta al mese si diverte a picchiare la moglie. La violenza sulle donne è un problema grave in tutto il mondo e in Sudafrica lo è veramente di più: come si legge nel libro, nel paese muoiono almeno 3 donne al giorno per mano del proprio partner. Di strada ce n’è ancora tanta da fare, insomma.

Amori, crimini e una torta al cioccolato è un libro leggero, ma non superficiale, intelligente ma non pesante. Con un pizzico di romanticismo e di suspense che ogni tanto non guastano. Un libro che potrebbe essere usato per convincere qualche amica (ma anche cugina, sorella, mamma e zia) non lettrice a tentare l’esperimento lettura. È una boccata d’aria fresca che fa fare un viaggio coloratissimo nel Sudafrica, tra le persone e il cibo.

Insomma, se un libro lascia sensazioni positive, la voglia di viaggiare, di cucinare e mangiare, e di amare, è sempre un libro che merita di essere letto.

Ti potrebbero piacere anche questi:

Comments

comments

7 commenti su “Amori, crimini e una torta al cioccolato di Sally Andrew

  1. Uhhh quanto mi ispira questo libro! E se mi confermi che non è il solito libro di amore e cucina, vado molto più tranquilla a inserirlo in wish list!

    (PS: abbiamo la stessa spatola ikea, ma la mia è verde e arancione :P)

  2. No, secondo me non è il solito libro di amore e cucina. Perché i protagonisti sono ben oltre l’età di quei libri lì e soprattutto la loro storia accompagna, non guida. Anche abbastanza in sottofondo. Sono altre le storie del libro. Poi magari tu percepirai sensazioni diverse.

  3. Mi ha proprio convinta, questa recensione! Mi leggerò questo libro mangiandomi una buona fetta di torta al cioccolato!

    PS: aspetto la ricetta sudafricana!

  4. C’è nelle ultime pagine. Devo solo capire dove trovo il latticello.
    A parte gli scherzi, non è Elsa Morante (un nome grande assolutamente a caso), ma a me piaciuto tanto. Mi ha messa di buon umore. Mi ci voleva tra Panorama e un’altra avventura di Rocco Schiavone.

Rispondi