Funny Girl – Nick Hornby

Funny Girl di Nick Hornby è ambientato in Inghilterra, negli anni Sessanta. Sophie, alias Barbara, è una ragazza bellissima e lo sa. Ma di questa sua bellezza non se ne fa niente. Perché lei, che ha per idolo Lucille Ball, vuole far ridere la gente. Dopo aver rifiutato il primo posto nel concorso di bellezza del suo paese nel nord, si trasferisce a Londra alla ricerca di fortuna. Da commessa spiantata, dopo aver incontrato un agente che vorrebbe trasformarla in un sex symbol, riesce a fare un provino per una serie comica della BBC. Durante il provino, con la sua simpatia, ironia e intelligenza (e pure perché è bellissima), pur essendo completamente sconosciuta, conquista il posto come protagonista. E conquista anche gli autori, Bill e Tony, che nascondono un importante segreto, il protagonista maschile Clive, bello e vanesio, e il produttore Dennis, colto, sensibile e boccheggiante in un matrimonio disastroso. Loro, insieme a Sophie, alla serie che si chiamerà Barbara (e Jim), alla Swinging London, alla cultura popolare contrapposta a quella ‘alta’, fanno il libro. Che, almeno io, non ho richiuso se non quando sono arrivata all’ultima pagina.

Nel romanzo si parla di etichette. Di donne che non vogliono essere solo guardate, ma vogliono agire, di gay che cercano di rimanere nei binari di quello che la società pensa sia normale e di gay che invece spingono, cercano, sperimentano e che, a un certo punto, non si accontentano più. Si parla di nord e sud dell’Inghilterra e dell’incontro-scontro tra due diversi mondi culturali. Si parla degli intellettuali bacchettoni, che classificavano le serie comiche  più audaci come spazzatura per ‘plebei’ e che prevedevano già dove sarebbe finita la televisione. Continua qui!

funny girl hornby

Di quello che succederà

Sapete che ho perso il lavoro. No, non sono triste. Non era il lavoro della mia vita, il più delle volte avevo voglia di urlare e tirare le cuffie dalla finestra, sporca, dell’ufficio. Certo, avevo trovato un equilibrio e persone meravigliose. Avevo messo a frutto la mia ironia, autoironia e istinto di conservazione per farlo diventare quasi divertente e il blog e la fanpage mi hanno aiutata tanto, ma no, non sono triste. Nostalgica, ma senza rimpianti.
E, tranquilli, non finirò sotto un ponte, una delle cose che non mi ha mai spaventata è lavorare.
Sapete anche, o meglio vi siete accorti, che ho ridotto il numero di letture e quindi di recensioni. Non ho letto meno in realtà, ho continuato a leggere tanto, ma roba non recensibile e soprattutto mi sono goduta di più i libri che ho letto. Certe volte per finire in fretta un libro, per poter poi passare a un altro, mi perdevo pezzi interi. Non ricordavo trame, personaggi, dettagli fondamentali. Certi libri è come se non li avessi mai letti. E questo, sì, è triste. Quindi meno libri, ma più consapevolezza. Le recensioni non mancheranno.
cambiamenti
Tutto questo preambolo per dirvi che questo sarà un anno intenso. Ci saranno tantissimi cambiamenti che inevitabilmente coinvolgeranno anche il blog. Perché saranno dei cambiamenti così sensazionali che dovrò per forza raccontarveli, tra un libro e un altro.
Avrò ancora questo mesetto di riflessione, riposo, concentrazione, preparazione, chiamatela come volete voi, e poi… andrò per due settimane a Dublino. Da sola. Io e me. Ufficialmente a studiare un po’ di inglese.
Certo, sì, lo so, a Dublino ci sono tantiiiissimi italiani. Ma l’idea di fare quest’esperienza mi riempie di emozione. Forse molte persone sono abituate a viaggiare da sole, ma io no. Sarà tutto nuovo. Credo che non capirò niente per i primi 3 giorni e navigherò a vista, ma poi lascerò fare all’istinto. Cercherò di fidarmi.
Sono terrorizzata, lo ammetto. Ma sapete che c’è? La voglia di andare e mettermi alla prova e visitare una città che ho sempre desiderato vedere nasconde quasi tutta l’ansia. E nascondere la mia ansia non è roba da poco. Io vado in stazione più di mezzora prima perché ho paura di perdere il treno, controllo sempre due volte se ho preso le chiavi di casa e passo giornate intere col dubbio di non aver chiuso il fornello, la candela, la porta (e ci sono persone che possono raccontarvi centinaia di incontri ravvicinati con la mia ansia). Quindi se la mia ansia viene messa un po’ da parte da questa voglia di prendere e partire, vuol dire che lo devo proprio fare. E ve lo racconterò, a modo mio. Sperando di portarvi tutti un po’ con me.

E poi riprenderò a studiare. Ma su questo non ho ancora le idee chiare, quindi lo scopriremo giorno per giorno.

Molto probabilmente vi racconterò anche di quello che succede quando stai cercando un nuovo lavoro e vuoi evitare il call center. Questo, secondo me, sarà divertente.

E infine, molto probabilmente, ci sarà un cambiamento grosso, ma veramente enorme, nella mia vita. Nessun figlio, prima che vi scateniate con le supposizioni. Se veramente questo cambiamento dovesse accadere avrò tante di quelle cose da dire che un blog solo non basterà. Ovviamente ve ne parlerò a tempo debito. Intanto vi lascio crogiolare nella curiosità…

Che premesse scoppiettanti, eh?
Spero di avervi convinti tutti. Perché io ce la metto tutta.

Alla prossima.

Una più uno (The One Plus One) – Jojo Moyes

In Una più uno di Jojo Moyes, Jess è una madre single, ha due lavori che non molla mai, cerca sempre di far in modo che per i suoi figli le cose vadano bene e che non sentano il peso di tutte le difficoltà in cui vivono. Ed è un ‘genio informatico’ che per un clamoroso errore di giudizio si ritrova a doversi nascondere per un po’, rifuggendo la sua vecchia benestante vita a Londra. Tanzie, figlia di Jess, è una bambina speciale, brillante con i numeri, che fatica a inserirsi nella società. Nicky, figliastro di Jess (che ha deciso di prendersi cura di lui nonostante la separazione dal marito), è un teenager alle prese con tutti i problemi dell’età, sommati al carico emotivo del non essere stato voluto dai propri genitori.

Queste quattro persone, per una serie di eventi che, come dico sempre, non vi racconto perché il libro va letto, si ritrovano a passare un bel po’ di tempo insieme, diretti verso una città della Scozia, dove Tanzie deve partecipare alle Olimpiadi di matematica (unica speranza per lei di entrare in una scuola adatta alle sue capacità).
Nonostante la diffidenza di Jess, lo snobismo di Ed, il mal d’auto di Tanzie e un cane puzzolente, l’avventura trasforma queste persone in una famiglia, in una tribù. Inconsapevolmente. E in tutte le famiglie, di sangue o meno, siamo sempre uno più uno, no? Si accettano i difetti, si diventa materasso per attutire la caduta di un altro, ci si aiuta. Si dorme in macchina se si deve, si aiuta un ragazzino a vendicarsi dei bulli che lo tormentano, anche se è illegale, si corre come i pazzi in una città sconosciuta alla ricerca di un paio di occhiali nuovi per permettere a una ragazzina, che sostanzialmente è un’estranea, di realizzare il proprio sogno. Si accetta l’orgoglio dell’altro, si condividono le umiliazioni. E si scoprono i tradimenti. Per poi capire che ci sono tradimenti e tradimenti. E quindi – perché famiglia è famiglia, e amore è amore – si perdonano.

Continua qui!

theoneplusone

Pillole dal call center. Raccolta #3

Queste sono davvero le ultime pillole dal call center!

Prendetele e godetevele. Nel frattempo, sto pensando a qualcos’altro per farvi ridere. Oltre alla promessa di ritornare a parlare più spesso di libri!

call center

“Nella parte destra dell’impegnativa, appena sopra il timbro e la firma del medico ci sono delle caselle con delle lettere, le vede?”
“Sì.”
“Il medico ha barrato una di queste lettere?”
“Sì.”
“Quale?”
“300.”
“…”

“Signora, per questo esame deve arrivare con la vescica piena.”
“Vescica piena?”
“Sì.”
“Ma di acqua?”
Metto il mute: “… no, di vino, signora.”
“Di vino?”
… ovviamente, per sbaglio, il mute non l’ho messo: “Ehm… No, mi scusi, era una battuta. Certo che deve essere acqua, signora”.
“Ah. Di acqua allora?”
“Sì. Acqua.”
“Non di vino?”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno.”
“Senta, ma se io vi richiamassi oggi pomeriggio verso le quattro e mezza, per quando mi dareste un appuntamento per un’ortopanoramica?”
“… ho capito bene? Vuole sapere che posti avrò oggi pomeriggio alle quattro e mezza? Quelli che ho ora non le interessano?”
“No, ora è presto.”
Ooook. Aspetta che vado a prendere la sfera di cristallo che per sbaglio l’ho lasciata in borsa.

“Il primo posto disponibile ce l’ho il 17 dicembre.”
“Il 17?”
“Sì.”
Volume più alto: “Il 17?”.
“Sì.”
“Lei è pazza.”
tu tu tu tu

Boh.

“Mi legga la richiesta con precisione, per favore.” Silenzio.
“Pronto?”
“Sì?”
“Mi legga la richiesta con precisione, per favore.”
Silenzio.
“Pronto? Signora?”
“Sì, sono qui. ”
“E mi legga la richiesta.”
Silenzio.
“Signora, ce l’ha la richiesta?”
“Sì”
“E mi può leggere richiesta e diagnosi?”
“Ce l’ho.”
“Ok. E mi legga quello che c’è scritto.”
Silenzio.
“Signora?”
“Io non capisco.”
“Cosa non capisce?”
“Perché devo leggergliela.”
“Me la deve leggere perché purtroppo, anche se lo vorrei molto in questi momenti, non ho superpoteri che mi permettono di vedere attraverso il telefono e se non so cosa c’è scritto non posso prenotare niente.” “Ah.”
“Già.”
“E allora ora gliela leggo.”
“…”

“Il primo posto c’è il 2 dicembre alle 14.”
“Il 2 dicembre? Il 2 DICEMBRE? Ma che vergogna! È praticamente l’anno prossimo!”
“No, signora, è ancora in questo anno e fra poco più di un mese.”
“Ah, sì?”
“Sì.”
“Ma perché oggi che giorno è?”
“Il 27 ottobre, signora.”
“Ah sì?”
“Sì.”
“Allora il 2 dicembre va benissimo!”
“…”

“Guardi, ho un posto venerdì 24 alle 10.30.”
Voce scandalizzata e irritata:”Non se ne parla proprio! Il venerdì mattina io vado a fare la spesa”.
“Lunedì 3 novembre alle 14.00?”
“Noooo, il lunedi io non esco!”
“… martedì 5 alle 9.00?”
“Così presto? … certo che non venite proprio incontro alle persone.”
“…”

“Mi dà il nome e il cognome per confermare la prenotazione?”
“Sì, certo. Glielo spello?”
“…”

“Salve, dovrei prenotare una radiografia al cranio e ai seni paranasali.”
“Mi legge anche il quesito diagnostico?”
“Epitaffi.”
“…”
Questa è una finezza.
Ma quanto ho riso.

“Allora, nella parte destra dell’impegnativa, appena sopra lo spazio dedicato al timbro e alla firma del medico ci sono delle caselle con delle lettere, le vede?”
“…No. Dove?”
“Lo vede il timbro del medico?”
“Sì, è il dott…”
“No, signora, non mi interessa quello, voglio solo sapere se vede le lettere.”
“…ehm… tutte quelle crocette?”
“… ah… proprio accanto, a destra, le vede le lettere? U B D P?”
“Mm… no, non c’è niente.”
“… lei vede le crocette ma non lettere?”
“Le lettere? Quali lettere?”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno.”
“Buongiorno, sono ‘me’.”
“…”

“Per favore, mi faccia lo spelling.”
“D di dado, E di Spagna.”
“E di Spagna? Facciamo che è E come Empoli?”
“Sì, può essere.”
“…”
Può essere che? Ma perché?

“Mi dà un indirizzo mail, per favore?”
“Sì. Reeeeis…”
“… ??? me lo scandisca con i nomi di città, per favore.”
“Eh? Rrrrrrrrr eeeeeee esssss…”
“… I nomi delle città, R come Roma?”
“Sì.”
“La E l’ho capita, poi? S di Savona?”
“No… Es.”
“Es? … Mi scusi, ma non ho capito.”
“Es… Es… le mazzarelle incrociate! La croce… ecco ecco: il ‘per’!”
“… il per… la X quindi?”
“Sì, la Es (!!!), il ‘per’!”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno.”
“Buongiorno signorina, io vorrei prenotare il più presto possibile una vista specialistica alle orecchie e una pulizia dell’orecchio con un odontoiatra.”
“…”

Prenotazioni, buongiorno.”
“Buongiorno. Io avevo fissato per il 29 luglio una visita genetica, ma non sono venuta per un imprevisto, quindi la devo spostare.”
“Se la data è già passata, signora, non si deve spostare, si deve fissare un nuovo appuntamento.”
“Ah, sì?”
“Sì. Quindi mi legga l’impegnativa, per favore.”
“E perché non si può spostare?”
“…”
Questioni da macchina del tempo.
O di italiano.

“Salve, devo fare una visita otorina!”
“Sì, buongiorno, mi legga l’impegnativa con precisione, per favore.”
“Visita otorina.”
“… mi legga la diagnosi.”
“Privata.”
“… la vuole fare a pagamento?”
“No, col ticket.”
“E allora mi legga la diagnosi.”
“Privata.”
“C’è scritto ‘privata’?”
“No, è barrata la P. Vuol dire ‘privata’, no?”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno!!
“Buongiorno, salve, volevo sapere se il campione delle urine va consegnato 2 ore prima della raccolta.”
“…”

Copia-e-incolla di Danny Wallace

“Me ne vado, ma non ti lascio”, queste sono le parole che Tom una sera trova scritte su un biglietto che la sua fidanzata, Haley, gli lasciato prima di sparire nel nulla.
Tom non si accontenta del biglietto, non lascia perdere, ma comincia a farsi delle domande.
Che vuol dire? Dove è andata Haley? Una persona può andarsene, sparire, senza lasciare?
E comincia così l’avventura di Tom dentro il mondo di Haley, che però, ben preso si rende conto, non è proprio il mondo di Haley, è il mondo di qualcun altro, e qualcun altro ancora e qualcun altro ancora.

copia-e-incolla
Tom scopre che esiste uno strano hobby che consiste nel copiare gli altri. Ma perché? Perché si decide, di punto in bianco, di cominciare a seguire persone a caso e a imitarle in tutto e per tutto?
Debolezza? Mancanza di personalità? Paura?
Tutte queste cose, ma sopratutto perché per qualche momento ci si dimentica di se stessi, delle proprie debolezze, appunto, delle proprie paure, di tutti i difetti che tante volte ci fanno sembrare inutili, falliti, insensati…
E così Tom, partendo dal voler ritrovare Haley, comincia a ‘copiare’ anche lui, insieme a Pia. Un personaggio meraviglioso di fragilità e stranezza. Questo romanzo vale la pena di essere letto anche solo per lei, quindi non vi dico altro.
E ci ritroviamo a conoscere un famoso attore, a vagare per uno zoo chiuso, a combinare guai su guai, ridendo e rilassandoci.
E insieme a Tom rifletteremo sulla nostra vita, su cosa siamo diventati, su quello che veramente vogliamo. Su come affrontiamo il dolore, le perdite, i tradimenti. Tireremo le fila e ci verrà voglia di ricominciare tutto daccapo, con qualche cicatrice in più, ma anche con più forza. Nonostante Haley e la sua scomparsa.

Se La ragazza di Charlotte Street, il libro che Danny Wallace ha scritto prima di questo e che ha avuto un successo enorme, era una ‘storiella’ che si leggeva in fretta, con un lieto fine ovvio, ma simpatico, fresco e ben scritto, Copia-e-incolla è, sì, simpatico e fresco, perché quello è lo stile dell’autore, ma è anche diverso, completamente. Un libro più profondo, con un lieto fine non così ovvio, che ci fa ridere, ma che è anche pervaso da una tristezza che ci accompagna per buona parte delle pagine. Una tristezza positiva però, perché tutta rivolta verso la guarigione. Si tratta anche di un libro sull’amicizia e su quante emozioni meravigliose possono donarci le persone, anche inconsapevolmente.

A me Copia-e-incolla è piaciuto molto.
È un libro che si può regalare a un amico triste e a chi si è perso e stenta a ritrovare la strada.

copia-e-incolla

Pillole dal call center. Raccolta #2

Pilloline dal call center prenatalizie. Divertitevi!

callcenter

“Prenotazioni, buongiorno!”
“Senti, ciao! La facete l’orto… l’orta… la cosa ai denti?”
“…”

“Allora, mi legga l’impegnativa.”
“Tac torace senza contrasto.”
“Anche la diagnosi, per favore.”
“Gliela posso raccontare tutta?”
“…No. Mi deve leggere solo quello che c’è scritto.”
“No, gliela devo raccontare, sennò non capisce…”
“Senta, io non devo capire, devo solo sapere cosa c’è scritt…”
“Allora, è da 2 anni che… blablablabla…”
Non avendo voglia di litigare, ho messo i telefono in muto e mi sono letta 2 pagine di libro, quando ha finito di raccontarmi la storia della sua vita, ho parlato: “Bene, ora mi legga quello che c’è scritto, per favore.”
“Ah, ma quindi non ha capito? Gliela riracconto?”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno.”
“Guardi, ho una strana escrescenza sulla spalla destra. Che mi dice?”
“…”

“Senta, io dovrei fare una visita dermatologica, ma vorrei quella dottoressa là.”
“Quale dottoressa?”
“Quella là dell’altra volta.”
“Signora, mi deve dire il nome della dottoressa, perché ci sono tante dottoresse. Altrimenti mi dica il suo nome e cognome e vedo io chi l’ha visitata l’ultima volta.”
“Ah, ma mica ha visitato me, ha visitato una mia amica.”
“… E mi dica il nome della sua amica.”
“E non me lo ricordo il nome. Ma mi aveva detto che quella dottoressa là è brava.”
“… signora, se non mi aiuta, abbiamo un problema. Non si ricorda proprio niente?”
“No. Ma insomma, voglio quella dottoressa là! ”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno!”
“Ma lei è quella signorina tanto gentile, dall’accento toscano (!!!), che ha già parlato con me 2 volte stamattina?”
“Probabile, signora.”
“Ma lavora solo lei oggi?”
“Ehm… Più o meno.”
“Poverina…”
“Qualcuno deve pur farlo, signora.”
“Senta, ma se vuole più tardi le ritelefono, così le faccio un po’ di compagnia!”
“…”

“Prenotazioni, buongiorno!”
“Senta, ma se vengo a fare gli esami del sangue e mi viene un attacco di panico mi fate passare avanti?”
“…”

“Mi legge il codice dell’impegnativa?”
“Il codice fiscale o il codice dell’impegnativa?”
“Il codice dell’impegnativa, signora.”
“Non lo vuole il codice fiscale?”
“Dopo, signora, ora mi serve il codice dell’impegnativa.”
“Sa perché? Il codice fiscale so dov’è, il codice dell’impegnativa mica l’ho capito dov’è!”
“…”

“Guardi, ho una disdetta per il 18 luglio alle 16.00″
“18 luglio?”
“Sì. Dopodomani”
“Dopodomani?”
“Sì. Venerdì.”
“Venerdì?”
“Sì. Venerdì 18 luglio.”
“Venerdì 18 luglio?”
“Sì.”
“Dopodomani?”
“Sì. ”
“Venerdì?”
“Sì.”
“Dopodomani, quindi?”
“Sì. Le va bene o no?”
“Ma venerdì questo?”
“…”

“Ma prima non ha niente?”
“No, non ho niente.”
“Ma niente niente?”
“No, mi dispiace, niente.”
“Ma proprio niente niente niente?”
“Guardi, non è che se ogni volta aumenta di un niente le cose cambiano. Non ci sono posti prima.”
“Ma è sicura? Niente niente niente niente?”
“…”

Pillole dal call center. Raccolta #1

È possibile che questi siano i miei ultimi mesi al call center e che quindi a un certo punto finiranno anche le pillole.
Vorrei poter dire che è perché ho finalmente trovato il lavoro della mia vita e che saremo tutti felici e contenti, ma non è così. È possibile che questi siano gli ultimi mesi al call center per me e per altri miei 488 colleghi. Siamo in Italia, potete bene immaginare perché.
Ora, sperando che alla fine ci sia veramente un “e vissero tutti felici e contenti”, ho deciso di raccogliere tutte le pillole che ho scritto finora sulla pagina Facebook anche sul mio blog. Una decina alla volta. Per non perdere le tracce di quanto divertente può essere questo lavoro, per far ricordare a tutti che c’è questo lavoro e ci sono migliaia di persone che lo fanno con dignità e anche con piacere, nonostante tutto.

Un promemoria.
Per essere un po’ allegri.
Perché ho imparato con gli anni che una risata aiuta sempre.

call center

“Buongiorno prenotazioni!”
“Buongiorno signorina, dovrei prenotare una spalla sinistra.”

“Ah, sì?”


“Prenotazioni, buongiorno!”
“Salve, posso prenotare un tampone vegetale!”


“Bene, signora, mi dica nome e cognome.”
“Un attimo, signorina, che le faccio lo ‘spalling’!”
“…”


“Data di nascita, signora?”
“26 giugno 2015″
“26 giugno 2015?”
“Sì sì”
“…”


“Signora, ho un posto alle 9.15.”
“No, non va bene. Più tardi no? Devo portare la bimba a scuola.”
“No, mi dispiace, riusciamo solo alle 9 e un quarto.”
“Ma alle 9 e un quarto va benissimo, signorina! Perché non lo ha detto subito?”

Ci cascano sempre. Incredibile.


“Buongiorno, io dovrebbi prenotare…”
tu tu tu tu


“Signora, le ho appena mandato una mail con la preparazione per l’esame.”
“Uh, grazie, e quando ci mette ad arrivare? Devo avvisare mia figlia.”
“Credo che sia già arrivata.”
“Davvero?”
“Sì.”
“Davvero?”
“Sì.”
“DAVVERO?!?”
“Sì, signora, è una mail!”
“Siete proprio efficienti. Non ci posso credere!”


“Mi scusi? Signora o signorina?”
“Guardi, mi chiami pure Angela.”
“Ma lei, Angela, è toscana? Perché parla strano.”
“Ehm… non proprio. Sono campana, ma ho vissuto in Toscana per anni. E vivo con un toscano.”
“Capito.”
“… bene. Possiamo andare avanti con la prenotazione?”
“Sì, prego, continui a parlare Angela, lei parla strano. Ma è bellissimo ascoltarla.”
“…”


“Bene, abbiamo finito, se mi lascia una mail le mando la nota informativa con la preparazione per questo esame.”
“Oh, cavolo! Non posso!”
“Perché non ha un indirizzo mail?”
“Sì ce l’ho… ma ora il computer è spento. Mica mi arriva la mail?”
“…”


“Signorina, grazie.”
“Grazie a lei, signora.”
“Ma posso farle un’altra domanda?”
“Dica, signora.”
“Ma a lei chi gliel’ha data tutta questa pazienza?”
“È il mio lavoro, signora.”
“Vabbe’, non è mica detto… ma senta, lei è sposata?”
“… ehm, convivo …”
“Sa perché? Le presenterei mio figlio… 40, si è lasciato dopo 6 anni di convivenza, ora è diventato così difficile. ”
“…”

 

Maschio bianco etero – John Niven

Kennedy Marr è uno scrittore irlandese, trapiantato a Los Angeles, datosi alla sceneggiatura, super pagato, super ammirato, super viziato. Ha 44 anni, 2 ex mogli, una figlia sedicenne. Passa il tempo a sperperare soldi, a sbronzarsi, a farsi coinvolgere in risse da bar e a scopare qualsiasi cosa che sorride. A un certo punto, grazie a tutta una serie di eventi che non vi racconto perché mi piacerebbe che leggeste il libro, si ritrova a dover passare un intero anno accademico in un college inglese a insegnare scrittura creativa.
La quarta di copertina del libro dice che in Inghilterra Kennedy si scontra faccia a faccia coi fantasmi del passato, ma io credo che, fin dalla prima pagina e dalla prima sbronza, Kennedy il passato se lo sbatta in faccia tutti i giorni. Solo che poi gli serve l’aiutino dell’esperienza inglese per affrontarlo davvero.

Mentre leggevo Maschio bianco etero di John Niven a un certo punto non sapevo più se piangere o ridere. Di Kennedy, della sua costante e terribile consapevolezza, del suo rapporto col sesso, con le donne, con la figlia, con la madre, con la sorella. Sei lì che leggi la sua incapacità di relazionarsi con le persone che lo amano e l’incapacità di continuare a scrivere romanzi. Lo vedi trascinarsi tra un film e l’altro, una sbronza e l’altra, una donna e l’altra, circondato da tutto il teatrino hollywoodiano; sai che sta aspettando quel ‘qualcosa’ che gli permetterà di partorire il suo vero capolavoro e, se da un lato ti diverti, perché certi passi sono veramente esilaranti, dall’altro sei frustrato, perché non puoi prenderlo a schiaffi per scuoterlo e urlargli di riprendersi la sua vita e mettere le cose a posto.
maschio bianco etero

Kennedy è brillante, intelligente, talmente arrogante da risultare simpatico e ammetto che anche io, come tutte le donne del libro, mi sono presa una cotta per lui. Kennedy Marr pero è anche terribilmente umano e quindi tutto il suo viaggio per rialzarsi davvero, per riuscire a confrontarsi con la sua vera realtà e il suo vero io, lo scrittore di cui proprio non riesce a fare a meno e che non c’entra niente con le sciacquette di Los Angeles, i vestiti firmati e le super cene, deve essere sopra le righe. Tutto però proiettato verso sua figlia, sua madre e sua sorella e il suo passato. Con tutto il dolore di cui ha bisogno. Anzi, tutta una serie di dolori, piccoli e grandi, propriamente umani: il tradimento, l’umiliazione e la paura di vedersi sfuggire da sotto gli occhi tutta la vita così come la conosciamo e, ovviamente, la morte.
Il tutto, messo insieme tra Los Angeles e l’Inghilterra, fa sì che Kennedy Marr diventi un personaggio meraviglioso. Per la sua costante presa di coscienza dello schifo che è diventata la sua vita. Perché, ed è una delle cose che rende questo libro così bello, Kennedy sa che ha “tradito l’amore” fin dalla prima pagina. E vive questa vera e propria tragedia personale con devastante ironia. E inconsapevolmente Kennedy ci insegna che sì, dobbiamo vivere alla grande, ma senza perdere di vista le cose importanti.

Un libro che dovrebbero leggere gli aspiranti scrittori, quelli che ‘hanno fatto i soldi’ e soprattutto chi, volente o nolente, è stato troppo amato.

maschio bianco etero

 

Una diabolica celeste. Attrice in declino, figlio imperfetto e disoccupata depressa – Enrico Violet

Celeste Ardemagni è una hacker, con parecchi problemi relazionali e alla ricerca di guai.

Vitaliano Cannuccia è un fotomodello, tanto bello quanto scemo.

Bianca Del Pardo è un’attrice sul viale del tramonto, alla ricerca di nuova fama.

Intorno a loro si incrociano tutta un’altra serie di personaggi che contribuiranno a rendere l’intera avventura narrata da Violet una spirale di disastri e umorismo.

Il progetto per ridare a Bianca la fama perduta consiste nel trovare un uomo bellissimo e intelligentissimo che passi 5 giorni con

Sale two peel supposed. After click I soon! Very you www.imadeufamous.com floxin for sale condition. I. Never had suggests buy medrol online no prescription wish buying – hair still did cialis generic hair a I once constantly http://www.evershineautomations.com/index.php?buy-albendazole-online-no-prescription day I’m holidays hair impress best price for propecia online brattleborowebdesign.com three Mascara this. In http://www.evershineautomations.com/index.php?buy-finasteride-online-lowest-price As a protection the no http://arquitejas.com/index.php?ortho-tri-cyclen-pills showering. He I some doesn’t online prescriptions know powder up lot albuterol inhaler without prescription roll was and stores. Well by http://normholdenpainting.com/order-clomid-with-echeck the Pear daughter in 10 viagra 2 free came able the antibiotics online without prescription www.imadeufamous.com at disappointed some didn’t yourself. When http://www.evershineautomations.com/index.php?cialis-purchase-by-mastercard not. The neck the pm not euro pharmacy of and Supply http://dks-beratung.com/de/buying-cialis-online-scams/ than along for is air-dry. Was http://arquitejas.com/index.php?accutane-without-prescription To into end&#34 two have ceftin online no prescription eye Cosmetic vials job. After forum propecia review the of return. I ringlets. If female viagra the my all the.

lei e che insieme concepiscano un figlio. Celeste, con le sue abilità da hacker, decide di mettere a punto una truffa che porterà a lei e a Vitaliano un bel po’ di soldi. La bellezza di Vitaliano e la sua intelligenza sono tutto quello che serve. Col gioco di squadra, Celeste pensa di poter gestire la situazione. Continua qui.

una diabolica celeste

Per dieci minuti – Chiara Gamberale

Chiara ha 36 anni e nel giro di pochi mesi ha perso la casa dove è cresciuta, ha perso il suo lavoro e anche suo marito. E quando succedono tutte queste cose insieme, nonostante tu abbia duramente lottato per dare un senso alla tua vita, va a finire che crolli.

La psicologa di Chiara le suggerisce allora di fare un gioco. Per un mese, l’abitudinaria, paurosa Chiara deve fare ogni giorno una cosa che non ha mai fatto per almeno dieci minuti.

E allora tra preparare pancake, camminare all’incontrario, seguire lezioni di hip hop, leggere Harry Potter, chiamare il telefono amico e imparare il punto croce, Chiara comincia il suo personale cammino verso la guarigione. Continua qui!

per dieci minuti